Consulenza psicologica  e  psicoterapiadiagnosi clinica,  formazione e informazione,  articoli,  seminari e gruppi esperienziali...

Picture

SPAZIO  PSI

Studio di Psicologia e Psicoterapia - Roma
           Dott.ssa Ida Lopiano e dott. Arturo Mona, psicologi - psicoterapeuti

:: Viale  Ratto delle Sabine , 23.   00131- Roma
    (
Casal Monastero)
:: Viale Giulio Agricola, 61 (Tuscolana ,
    Metro Giulio Agricola). 00174 - Roma
    Segreteria: Tel. 06.83505663
    Dott.ssa Lopiano: 320.0450719
   
Dott. Mona:  338.1666010
    www.spaziopsi.it  -  idalopiano@tiscali.it

       Home

      Psicoterapia     

Articoli

Training Autogeno

  Gruppi    

      Link      

  Contattaci   

 
 
PRENOTA UN COLLOQUIO
 

Il disturbo schizotipico:

 Dott.ssa Ida Lopiano
 Psicologa e Psicoterapeuta:
 tel.  320.0450719
_________________________
 Dott. Arturo Mona
 Psicologo e Psicoterapeuta:
 tel. 338.1666010

Curriculum
:: Dott.ssa Ida Lopiano
   Psicologa Psicoterapeuta ad
  orientamento analitico
  transazionale

:: Dott. Arturo Mona
  Psicologo Psicoterapeuta ad
  orientamento strategico

  Indice
 
I collaboratori
 
La nostra filosofia 
 
Il primo colloquio
 
Siamo segnalati su
 
Collaborazioni
 
Domande allo Psicologo
  I nostri
Studi di
  Psicoterapia

   SERVIZI
     offerti

Picture


  Consulenza e Psicoterapia
 
Training autogeno
 
Sostegno alla genitorialità
 
Colloqui Psicodiagnostici
 
Sostegno psicologico
 
Consulenza Psichiatrica
 
Consulenza Neurologica
 
Prevenzione e Formazione
 
Informazione psicologia
 
Perizie Psicologiche
 
Laboratori espressivi
 

Picture Picture Picture

 I disturbi trattati

 
   
Nell’adulto
  Ansia e attacchi di panico
 
Fobie
 
Ipocondria
 
Fobia sociale
 
Fobia specifica
 
Agorafobia
 
Ansia da esame
 
Nevrosi Ossessiva
 
Disturbo post traumatico
 
Disturbi Psicosomatici
 
Stress
 
Tricotillomania
 
Abuso sessuale
 
Depressione
 
Depressione post - partum
 
Anoressia nervosa
 
Bulimia nervosa
  Obesità psicogena
 
Disturbi Psicosomatici
  Disturbi di  personalità
 
Disturbi sessuali
 
Gioco d’azzardo patologico
 
Problemi della  coppia
 
Separazione/divorzio
_______________________
  
Bambino e adolescente
 
Ansia da separazione
  Difficoltà di inserimento
  scolastico 
  Disturbi dell’attenzione
 
Disturbi della condotta
  Disturbo oppositivo
  provocatorio
  Disturbo dell’attaccamento
 
Disturbi dello
 
apprendimento: dislessia,
 
discalculia, disgrafia,
 
disortografia
 
Autismo
 
Sindrome di Asperger
 
Disturbo di Rett
 
Disturbo disintegrativo
  dell’infanzia
 
Disturbi della condotta
  Difficoltà della relazione
 
genitori/ figli
  Enuresi (pipì a letto)
  Disturbi alimentari
 

 
 
:: Collaborazione con
    il centro
   
gli argonauti
 

Picture

  

 

 

 

 Lo studio di Psicoterapia
 Spazio Psi collabora con
 l’associazione onlus
 gli argonauti nella
 organizzazione di incontri
 seminariali e formativi sulla
 genitorialità, e di gruppi
 esperienziali rivolti a
 bambini e adolescenti
 

I nostri siti di Psicologia:

Centro
gli argonauti

Il sito del dott. Arturo Mona

Il Blog sull’ Analisi
Transazionale

Fa parte dei disturbi di personalità del gruppo A.
SI manifesta con una incapacità a costruire relazioni interpersonali significative, distorsioni percettive e cognitive, eccentricità nel comportamento
.
L’altro, per lo Schizotipico, è un pericolo perenne perché si aspetta di essere sempre attaccato e deriso. Per questi motivi è più difficile da gestire dello Schizoide.
Da un punto di vista interpersonale lo Schizotipico ha paura di un controllo che attacca e umilia; desidera che gli altri lo lascino solo. La sua posizione di base è di distacco ostile e trascuratezza di sé. Crede di avere capacità di influenza magica, che può essere applicata direttamente (telepatia) o indirettamente (controllo attraverso rituali). Di solito lo Schizotipico impone questi “poteri” a distanza. E’ consapevole di sentimenti di aggressività, ma di solito li limita.
Il principio della complementarietà, predispone il bambino sia a sottomettersi che a controllare in modi inappropriati.
Rispetto alla storia familiare sono state riscontrate alcune situazioni comuni tra i soggetti con questo disturbo: spesso è presente una lunga storia di grave abuso che porta il distacco paranoie nello schizotipico adulto. Il bambino imparava a non “seccare” il genitore abusante. La proibizione di allontanarsi da casa interferiva con lo sviluppo sociale. La deprivazione del gioco con i pari e la condizione di paradiso sicuro della solitudine hanno rinforzato la posizione del Trincerarsi e hanno incoraggiato lo sviluppo della fantasia e di altre forme con cui Trascurarsi.
Le distorsioni cognitive in questo disturbo sono tra le più gravi di quelle trovate nei disturbi di personalità. Generalmente vengono classificati 4 temi: 1° Questi individui spesso hanno una sospettosità o ideazione paranoide. 2° Sperimentano idee di riferimento, come credere che eventi non correlati siano collegati tra loro in un modo significativo. 3° Credenze bizzarre e pensiero magico. 4° Esperienze percettive insolite, ad esempio illusioni, quali credere di vedere delle persone nell’ombra o nei disegni della carta da parati.
Questi tipi di cognizioni sono riflesse ulteriormente nello strano modo di parlare; sebbene l’eloquio risulti coerente è sovente fuorviante, circostanziale, vago o troppo complesso. L’affettività è coartata e inappropriata alla situazione. In conformità a tutto ciò, l’individuo schizotipico si comporta in maniera inappropriata e questo contribuisce all’isolamento. Le cognizioni distorte riguardano gli altri e le loro interazioni sociali imbarazzanti e disagevoli, li portano a sviluppare ansia sociale.
I disturbi associati sono ansia, depressione, pensiero psicotico.
Nell’intervento terapeutico è importante rispettare, soprattutto all’inizio, l’esigenza di distanza e la preoccupazione hce in genere questi soggetti manifestano nei rapporti interpersonali. Non è opportruno forzare la persona nella costruzione dell’alleanza terapeutica; è fondamentale rispettare i suoi tempi.
Tra gli obiettivi terapeutci vi è sicuramente quello di favorire il contatto con la realtà lavorando principalmente
sui pensieri disfunzionali del paziente.

La diagnosi secondo i criteri del DSMIV-TR:
A.
Una modalità pervasiva di relazioni sociali ed interpersonali deficitarie, evidenziate da disagio acuto e ridotta capacità riguardanti le relazioni strette, e da distorsioni cognitive e percettive ed eccentricità del comportamento, che compaiono nella prima età adulta, e sono presenti in una varietà di contesti, come indicato da cinque (o più) dei seguenti elementi:
1) idee di riferimento (escludendo i deliri di riferimento)
2) credenze strane o pensiero magico, che influenzano il comportamento, e sono in contrasto con le norme subculturali (per es., superstizione, credere nella chiaroveggenza, nella telepatia o nel "sesto senso"; nei bambini e adolescenti fantasie e pensieri bizzarri)
3) esperienze percettive insolite, incluse illusioni corporee
4) pensiero e linguaggio strani (per es., vago, circostanziato, metaforico, iperelaborato o stereotipato)
5) sospettosità o ideazione paranoide
6) affettività inappropriata o coartata
7) comportamento o aspetto strani, eccentrici, o peculiari
8) nessun amico stretto o confidente, eccetto i parenti di primo grado
9) eccessiva ansia sociale, che non diminuisce con l'aumento della familiarità, e tende ad essere associata con preoccupazioni paranoidi piuttosto che con un giudizio negativo di sé.
B. Non si manifesta esclusivamente durante il decorso della
Schizofrenia, di un Disturbo dell'Umore con Manifestazioni Psicotiche, di un altro Disturbo Psicotico o di un Disturbo Pervasivo dello Sviluppo.
Nota Se i criteri risultano soddisfatti prima dell'esordio della Schizofrenia, aggiungere "Premorboso", per es., "Disturbo
Schizotipico di Personalità (Premorboso)".

Diagnosi differenziale:
Va fatta principalmente con il disturbo schizoide: mentre lo schizoide motsra un vero disinteresse verso le relazioni sociali, lo schizotipico in genere evita i rapporti a causa dell’anisa sociale che questi comportano per lui.

Disturbo Schizoide

Disturbo Schizotipico

Disturbo Evitante

Distacco e isolamento

Distacco e isolamento

Distacco e isolamento

Non hanno percezioni distorte o idee insolite

Percezioni, pensieri e comportamenti eccentrici

Non hanno percezioni distorte o idee insolite

Non sentono la necessità del contatto sociale (distacco passivo)

Ricercano il contatto interpersonale ma lo temono

Vogliono essere socialmente coinvolti a patto di essere sicuri di piacer