Consulenza psicologica  e  psicoterapiadiagnosi clinica,  formazione e informazione,  articoli,  seminari e gruppi esperienziali...

Picture

SPAZIO  PSI

Studio di Psicologia e Psicoterapia - Roma
           Dott.ssa Ida Lopiano e dott. Arturo Mona, psicologi - psicoterapeuti

:: Viale  Ratto delle Sabine , 23.   00131- Roma
    (
Casal Monastero)
:: Viale Giulio Agricola, 61 (Tuscolana ,
    Metro Giulio Agricola). 00174 - Roma
    Segreteria: Tel. 06.83505663
    Dott.ssa Lopiano: 320.0450719
   
Dott. Mona:  338.1666010
    www.spaziopsi.it  -  idalopiano@tiscali.it

       Home

      Psicoterapia     

Articoli

Training Autogeno

  Gruppi    

      Link      

  Contattaci   

 
 
PRENOTA UN COLLOQUIO
 

 Dott.ssa Ida Lopiano
 Psicologa e Psicoterapeuta:
 tel.  320.0450719
_________________________
 Dott. Arturo Mona
 Psicologo e Psicoterapeuta:
 tel. 338.1666010

Curriculum
:: Dott.ssa Ida Lopiano
   Psicologa Psicoterapeuta ad
  orientamento analitico
  transazionale

:: Dott. Arturo Mona
  Psicologo Psicoterapeuta ad
  orientamento strategico

  Indice
 
I collaboratori
 
La nostra filosofia 
 
Il primo colloquio
 
Siamo segnalati su
 
Collaborazioni
 
Domande allo Psicologo
  I nostri
Studi di
  Psicoterapia

   SERVIZI
     offerti

Picture


  Consulenza e Psicoterapia
 
Training autogeno
 
Sostegno alla genitorialità
 
Colloqui Psicodiagnostici
 
Sostegno psicologico
 
Consulenza Psichiatrica
 
Consulenza Neurologica
 
Prevenzione e Formazione
 
Informazione psicologia
 
Perizie Psicologiche
 
Laboratori espressivi
 

Picture Picture Picture

 I disturbi trattati

 
   
Nell’adulto
  Ansia e attacchi di panico
 
Fobie
 
Ipocondria
 
Fobia sociale
 
Fobia specifica
 
Agorafobia
 
Ansia da esame
 
Nevrosi Ossessiva
 
Disturbo post traumatico
 
Disturbi Psicosomatici
 
Stress
 
Tricotillomania
 
Abuso sessuale
 
Depressione
 
Depressione post - partum
 
Anoressia nervosa
 
Bulimia nervosa
  Obesità psicogena
 
Disturbi Psicosomatici
  Disturbi di  personalità
 
Disturbi sessuali
 
Gioco d’azzardo patologico
 
Problemi della  coppia
_______________________
  
Bambino e adolescente
 
Ansia da separazione
  Difficoltà di inserimento
  scolastico 
  Disturbi dell’attenzione
 
Disturbi della condotta
  Disturbo oppositivo
  provocatorio
  Disturbo dell’attaccamento
 
Disturbi dello
 
apprendimento: dislessia,
 
discalculia, disgrafia,
 
disortografia
 
Autismo
 
Sindrome di Asperger
 
Disturbo di Rett
 
Disturbo disintegrativo
  dell’infanzia
 
Disturbi della condotta
  Difficoltà della relazione
 
genitori/ figli
  Enuresi (pipì a letto)
  Disturbi alimentari
 

 
 
:: Collaborazione con
    l’associazione onlus
   
gli argonauti
 

Il disturbo schizoide:

Fa parte dei disturbi di personalità del gruppo A.
Si manifesta con il distacco dalle relazioni sociali ed una gamma ristretta di espressioni emotive.
Presenta due caratteristiche principali: il distacco sociale e la piattezza emotiva.
Può essere produttivo in occupazioni che consentono di svolgere un lavoro solitario e spesso svolge lavori semplici che sono al di sotto delle sue possibilità; considera se stesso come un osservatore della propria vita: si ritiene solitario e autosufficiente.
Dal punto di vista interpersonale lo schizoide non desidera le relazioni sociali, nè i rapporti di intimità, tuttavia è estremamente sensibile a critiche e disapprovazione espressa dagli altri, sebbene sembri apparentemente indifferente ad esse. Sceglie di solito attività solitarie, che non implicano il contatto con gli altri. Prova poco o nessun piacere nelle attività, non ha in genere amici intimi o confidenti.
Di solito soddisfa le aspettative rispetto ai ruoli sociali (può ad esempio essere efficiente nel lavoro, soprattutto se viene svolto in maniera solitaria). Nelle relazioni di coppia presenta di solito difficoltà a sviluppare l’intimità.
Ha uno stile cognitivo caratterizzato da imprecisione e povertà di pensiero e ha una “percezione esplorativa difettosa”. Non percepisce le componenti affettive e non reagisce emotivamente agli stimoli, anche se è consapevole che gli altri hanno reazioni diverse da lui.
Dal punto di vista del comportamento, sono apatici, inespressivi e lenti e hanno un modo di parlare monotono. Hanno scarse abilità sociali.
Rispetto alla storia familiare questi pazienti riportano spesso di essere stati poco stimolati dai genitori: trascorrevano molto tempo in solitudine; i loro giochi si svolgevano in maniera solitaria piuttosto che in compagnia di altri.
Disturbi associati: Tendono ad avere pochi disturbi sull’Asse I.
Possono comunque deprimersi per il fatto di percepirsi diversi dagli altri, o perché si stancano di “osservare dall’esterno”, o infine per la loro convinzione che la vita è insignificante e priva di interessi.
Possono sviluppare, inoltre, disturbi
d’ansia quando le situazioni richiedono un’interazione sociale.
Possono andare incontro alla depersonalizzazione a causa dell’isolamento sociale o a brevi episodi psicotici.
L’intervento: In genere questi pazienti vanno in terapia per i disturbi sull’Asse I e non sono motivati a cambiare le proprie caratteristiche di personalità. Quando arrivano in terapia, appaiono spesso freddi, distanti, e mostrano emozioni minime; parlano poco, evitano il contatto oculare e mostrano disagio. Riferiscono inoltre di non avere amici stretti e non mostrano desiderio di avere esperienze sessuali.
Inizialmente è importante prendere in considerazione i problemi che hanno condotto il paziente in terapia, poi (sempre che con il sollievo dai sintomi il paziente non abbandoni la terapia), l’obiettivo del trattamento sarà l’intensificazione dell’interazione sociale.
Inizialmente, il senso di collegamento con il sociale può derivare dalla relazione terapeutica.
Il paziente e il terapeuta possono esaminare i vantaggi e gli svantaggi dell’isolamento, in modo da motivare il paziente alla comunicazione sociale.
Con questi pazienti è molto utile la terapia di gruppo.
Come strategia generale, è utile che il terapeuta faccia delle domande che aiutino il paz. a soffermarsi sui dettagli emozionali.
Al termine del trattamento, è utile rivedere il paziente con delle sedute di sostegno che possono essere intensificate se il paziente mostra di essere ricaduto in uno stile di vita isolato. 
Il terapeuta, nella relazione con questi pazienti, può avere dei problemi, a causa della loro insensibilità e inabilità sociale. E’ importante, comunque, che mantenga un atteggiamento caldo ed empatico, malgrado la scarsa attenzione che il paziente riserva alla relazione

La diagnosi secondo i criteri del DSMIV-TR:
Una modalità pervasiva di distacco dalle relazioni sociali e una gamma ridotta di espressioni emotive in contesti interpersonali che iniziano nella prima età adulta e sono presenti in una varietà di contesti, come indicato da quattro o più dei seguenti elementi.
1- assenza di desiderio e di piacere per le relazioni sociali,incluse quelle familiari
2- tendenza  ascegliere attività solitarie
3- Mancanza o poco interesse per le esperienze sessuali
4- mancanza di  piacere inelle attività
5- Mancanza di amici stretti
6- indifferenza verso lodi o critiche degli altri
7- freddezza emotiva, distacco o affettività appiattita

Diagnosi differenziale:
Va fatta con il dist. Evitante e con quello schizotipico
Principale differenza fra evitante e schizoide: l’evitante mostra desiderio di avere relazioni sociali ma teme la critica e la disapprovazione
Principali differenze fra schizoide e schizotipico: lo schizotipico ha un modo di parlare e un comportamento strano e riferisce cognizioni particolari. Lo schizotipico vive isolato per la sua ansia sociale e per il senso di inadeguatezza che sente

Disturbo Schizoide

Disturbo Schizotipico

Disturbo Evitante

Distacco e isolamento

Distacco e isolamento

Distacco e isolamento

Non hanno percezioni distorte o idee insolite

Percezioni, pensieri e comportamenti eccentrici

Non hanno percezioni distorte o idee insolite

Non sentono la necessità del contatto sociale (distacco passivo)

Ricercano il contatto interpersonale ma lo temono

Vogliono essere socialmente coinvolti a patto di essere sicuri di piacer

Picture

  

 

 

 

 Lo studio di Psicoterapia
 Spazio Psi collabora con
 l’associazione onlus
 gli argonauti nella
 organizzazione di incontri
 seminariali e formativi sulla
 genitorialità, e di gruppi
 esperienziali rivolti a
 bambini e adolescenti
 

I nostri siti di Psicologia:

Ass. gli argonauti onlus

Il sito del dott. Arturo Mona

Il Blog sull’ Analisi
Transazionale

facebook
MYSPACE
twitter

Elenco Psicologi

HT network di psicologia