Consulenza psicologica  e  psicoterapiadiagnosi clinica,  formazione e informazione,  articoli,  seminari e gruppi esperienziali...

Picture

SPAZIO  PSI

Studio di Psicologia e Psicoterapia - Roma
           Dott.ssa Ida Lopiano e dott. Arturo Mona, psicologi - psicoterapeuti

:: Viale  Ratto delle Sabine , 23.   00131- Roma
    (
Casal Monastero)
:: Viale Giulio Agricola, 61 (Tuscolana ,
    Metro Giulio Agricola). 00174 - Roma
    Segreteria: Tel. 06.83505663
    Dott.ssa Lopiano: 320.0450719
   
Dott. Mona:  338.1666010
    www.spaziopsi.it  -  idalopiano@tiscali.it

       Home

      Psicoterapia     

Articoli

Training Autogeno

  Gruppi    

      Link      

  Contattaci   

 
 
PRENOTA UN COLLOQUIO
 

Centro clinico per il trattamento dei disturbi dell’età evoutiva:
                              
bambini, adolescenti e famiglie

 Dott.ssa Ida Lopiano
 Psicologa e Psicoterapeuta:
 tel.  320.0450719
_________________________
 Dott. Arturo Mona
 Psicologo e Psicoterapeuta:
 tel. 338.1666010

Curriculum
:: Dott.ssa Ida Lopiano
   Psicologa Psicoterapeuta ad
  orientamento analitico
  transazionale

:: Dott. Arturo Mona
  Psicologo Psicoterapeuta ad
  orientamento strategico

  Indice
 
I collaboratori
 
La nostra filosofia 
 
Il primo colloquio
 
Siamo segnalati su
 
Collaborazioni
 
Domande allo Psicologo
  I nostri
Studi di Psicoterapia

   SERVIZI
     offerti

Picture


  Consulenza e Psicoterapia
 
Training autogeno
 
Sostegno alla genitorialità
 
Colloqui Psicodiagnostici
 
Sostegno psicologico
 
Consulenza Psichiatrica
 
Consulenza Neurologica
 
Prevenzione e Formazione
 
Informazione psicologia
 
Perizie Psicologiche
 
Laboratori espressivi
 

Picture Picture Picture

 I disturbi trattati

 
   
Nell’adulto
  Ansia e attacchi di panico
 
Fobie
 
Ipocondria
 
Fobia sociale
 
Fobia specifica
 
Agorafobia
 
Ansia da esame
 
Nevrosi Ossessiva
 
Disturbo post traumatico
 
Disturbi Psicosomatici
 
Stress
 
Tricotillomania
 
Abuso sessuale
 
Depressione
 
Depressione post - partum
 
Anoressia nervosa
 
Bulimia nervosa
  Obesità psicogena
 
Disturbi Psicosomatici
  Disturbi di  personalità
 
Disturbi sessuali
 
Gioco d’azzardo patologico
 
Problemi della  coppia
_______________________
  
Bambino e adolescente
 
Ansia da separazione
  Difficoltà di inserimento
  scolastico 
  Disturbi dell’attenzione
 
Disturbi della condotta
  Disturbo oppositivo
  provocatorio
  Disturbo dell’attaccamento
 
Disturbi dello
 
apprendimento
 
Autismo
 
Sindrome di Asperger
 
Disturbo di Rett
 
Disturbo disintegrativo
  dell’infanzia
 
Disturbi della condotta
  Difficoltà della relazione
 
genitori/ figli
  Enuresi (pipì a letto)
  Disturbi alimentari
 

 
 
:: Collaborazione con
    l’associazione onlus
   
gli argonauti
 

Picture

  

 

 

 

 Lo studio di Psicoterapia
 Spazio Psi collabora con
 l’associazione onlus
 gli argonauti nella
 organizzazione di incontri
 seminariali e formativi sulla
 genitorialità, e di gruppi
 esperienziali rivolti a
 bambini e adolescenti
 

I nostri siti di Psicologia:

Ass. gli argonauti onlus

Il sito del dott. Arturo Mona

Il Blog sull’ Analisi
Transazionale

facebook
MYSPACE
twitter

Elenco Psicologi

HT network di psicologia 
Picture Picture Picture Picture

Avvalendosi della collaborazione di diverse figure professionali, il centro clinico per l’infanzia e adolescenza
effettua molteplici interventi rivolti al bambino, all’adolescente ed alle famiglie.
All’interno di un primo incontro di conoscenza reciproca, il dott. Arturo Mona, psicologo psicoterapeuta, coordinatore del centro,  focalizza insieme alla famiglia le problematiche presentate ed illustra ai genitori la metodoogia ed il piano di trattamento.
_________________________________________________________________________________________________
 
Interventi offerti:

- psicoterapia e colloqui di sostegno rivolti al bambino e all’adolescente
- interventi di terapia e riabilitazione su problematiche dello sviluppo, disturbi del comportamento e
   dell’attenzione, disturbi d’ansia e della relazione, difficoltà nella sfera della comunicazione e dell’affettività.
- Interventi di parent training e gruppi di sostegno rivolti ai genitori
- gruppi di crescita e potenziamento delle risorse personali rivolti ad adolescenti
- gruppi finalizzati alla condivisione di esperienze e  al rafforzamento delle abilità sociali rivolti ad adolescenti
- interventi domiciliari rivolti a persone con difficoltà psicologiche o disabilità
_________________________________________________________________________________________________

Metodologia e strumenti utilizzati:

Quando uno o più segnali di disagio sono presenti nel bambino, come rilevati dal genitore, o dalla scuola, o manifestati attraverso una specifica richiesta di aiuto da parte del minore stesso, accogliamo la richiesta da parte della famiglia procedendo attraverso le seguenti fasi:

1- Raccolta anamnestica attraverso l' osservazione diagnostica diretta e i colloqui con il bambino, colloqui con i genitori, eventuali colloqui con altri membri della famiglia o con adulti di altri contesti di riferimento (scuole, ecc, qualora la famiglia ne dia espresso consenso)
2- diagnosi ed eventuale relazione di restituzione (qualora la famiglia ne faccia richiesta allo psicologo)
3- Elaborazione di un progetto terapeutico personalizzato con la collaborazione della famiglia
4- Attuazione dell’intervento riabilitativo o di terapia, con la collaborazione (quando necessario), di diverse figure professionali (psicologo, psicoterapeuta, educatore professionale...).
_________________________________________________________________________________________________

Durante la prima fase di valutazione del minore, è previsto l’utilizzo di tecniche specifiche per la valutazione funzionale e strumenti diagnostici che andranno adattati alle specifiche problematiche e alla fase di sviluppo del bambino.
Alcuni tra gli strumenti più frequentemente usati sono:
- test di valutazione
- osservazione diretta del bambino
- colloquio psicologico con il bambino
- colloquio con la famiglia
_________________________________________________________________________________________________
 

Colloqui di sostegno psicologico e terapie rivolte al bambino

Quando un bambino prova disagio....
non è sempre facile per gli adulti di riferimento coglierne i segnali e la richiesta di aiuto espressa. Soprattutto quando il bambino non ha a disposizione il canale verbale per esprimere le proprie difficoltà e comunicare la sua sofferenza, è importante che sia l'aduto ad accorgersi e a monitorare i "sintomi" manifestati dal bambino, per darvi un significato e rispondervi in modo adeguato.

Spesso questo è un compito molto difficile per chi accudisce il bambino: fare attenzione a non rinforzare comportamenti disadattivi; rinforzare e incoraggiare i comportamenti utili e funzionali, accorgersi dei segnali di disagio e rispondervi con sufficiente distacco e nello stesso tempo con la cura e l'attenzione che il bambino si aspetta dalle sue figure di riferimento, richiede a volte strumenti ed esperienze che vanno al di la della competenza genitoriale.

In questo caso diventa importante rivolgersi ad un professionista psicologo che, con l'indispensabile collaborazione dei genitori, potrà intervenire per la gestione delle crisi che il bambino attraversa durante le diverse fasi dello sviluppo evolutivo.

L'intervento dello psicologo può, a seconda della situazione presentata dalla famiglia e dal tipo di difficoltà del bambino, rivolgersi in modo diretto al minore, o essere indirizzato ai genitori.
Nel primo caso la terapia va adattata non solo alla problematica presentata, ma anche all'età del bambino. 
E gli strumenti utilizzati per facilitare la relazione terapeuta - bambino (ad es. il gioco, la musica, il disegno...), vanno sempre impiegati rispettando le naturali inclinazioni e la disponibilità del piccolo paziente.
L'intervento rivolto ai genitori mira invece a rafforzarne le risorse e competenze, affinchè possano gestire in modo efficace le problematiche del proprio figlio.

In genere, anche quando è possibile per lo psicologo intervenire in modo diretto attraverso colloqui e terapia con il bambino, è opportuno non solo informare, ma anche lavorare a stretto contatto con le famiglie durante l'attuazione del progetto terapeutico.

La famiglia fornisce al terapeuta un aiuto indispensabile per l'individuazione dei segnali espressione delle aree probematiche del bambino.

Ecco alcune tra le più frequenti manifestazioni di disagio nel bambino:

- Stati di ansia molto intensi, paure e fobie poco funzionali e non contestuali o non giustificate rispetto all'età e alla fase dello sviluppo evolutivo del bambino (se ad es. un bambino di 3 anni di età manifesta paura del buio, questo non va certamente considerato come l'espressione di una patologia ma di un "normale" stato di disagio legato alla fase di sviluppo che il bambino sta attraversando. E' importante in questo caso accogliere e rassicurare il proprio figlio piuttosto che allarmarsi attribuendo alla situazione un significato patologico). Alcune manifestazioni dello stato di ansia del bambino possono essere: eccessiva timidezza nel rapporto con i coetanei, eccessiva aggressività ed eccessi di rabbia ingiustificata, disturbi ossessivo-compulsivi.

- Disturbi della condotta - alterazioni de comportamento:  mutismo o comportamenti oppositivi in famiglia o nel contesto scuola,
  difficoltà a rispettare le regole, iperattività, timidezza eccessiva...

- Difficoltà a relazionarsi con i coetanei o con gli adulti, difficoltà nella comunicazione (non legate al linguaggio).

- Difficoltà nella sfera dell'autostima: autosvalutazione, timidezza eccessiva, chiusura e demotivazione nei rapporti sociali.

- Difficoltà del sonno: difficoltà ad addormentarsi o a dormire da solo, risvegli continui

- Disturbi psicosomatici: mal di pancia, dolori localizzati, mal di testa ricorrenti, ecc.

- Difficoltà reative al controllo degli sfinteri: enuresi (pipì a letto), encopresi

- Disturbi alimentari: rifiuto del cibo, abbuffate, vomito...

- Difficoltà dell'apprendimento: scarsi risultati a scuola per un bambino del quale siano evidenti le elevate risorse e competenze,
  difficoltà nella lettura, scrittura, ecc. non giustificate dalla fase dello sviluppo che i bambino sta attraversando.

_________________________________________________________________________________________________

Colloqui di saostegno psicologico e psicoterapia dell’adolescente

L'adolescenza è una fase dello sviluppo evolutivo dell'individuo caratterizzata da profondi cambiamenti che avvengono nel corpo, nel comportamento, nella sfera emotiva e cognitiva.In relazione alle proprie caratteristiche di personalità, al contesto familiare, scolastico e sociale e alla propria esperienza di vita, ogni persona affronta questi cambiamentine, e i conflitti che ne fanno parte, in modo personale.

Quando i conflitti e le crisi che l'adoescente attraversa sono particolarmente intense ed egli non dispone di un contesto che lo sostiene adeguatamente, o non riesce a sviluppare nuove risorse per far fronte ai nuovi cambiamenti, i naturali momenti di crisi che appartengono all'adolescenza possono essere causa di forte disagio. L'adoescente si trova impreparato e inadeguato rispetto ai cambiamenti da affrontare, ed il suo senso di inefficacia e inadeguatezza può esitare in conseguenze che richiedono l'intervento del professionista.

Ecco alcune tra le problematiche più frequentemente riportate dagli adolescenti all'interno del contesto di terapia:

- Insicurezza e senso di inadeguatezza (rispetto a gruppo dei pari, o a figure autoritarie, o in generale al contesto sociale di
  appartenenza, o ancora di fronte ad un compito), presente con vari livelli di intensità, fino ad arrivare alla manifestazione di forti
  stati di ansia e panico

- Difficoltà ad affermare la propria personalità, crisi di identità

- Conflittualità con i genitori- Difficoltà a riconoscere con chiarezza i propri obiettivi di vita, a fare scelteautonome

- Conflitto tra desiderio di autonomia e dipendenza dalla famiglia

- Difficoltà e insicurezze nella sfera sessuale o più in generale nell'ambito delle relazioni sentimentali

- Mancanza di dialogo con i genitori, sensazione di non essere compreso, ascoltato

- Isolamento rispetto al gruppo dei pari, sensazione di emarginazione

- Autolesionismo manifestato attraverso pensieri o veri e propri comportamenti autodistruttivi

 

Di seguito sono invece elencati alcune tra le situazioni più frequenti per le quali le famiglie richiedono l’intervento del professionista rivolto al proprio figlio in età adoscenziale:

- Difficoltà a rispettare regole e norme sociali, atteggiamento di ribellione nei confronti della famiglia, della scuola o di atri contesti
  di appartenenza.

- Richieste continue di indipendenza e di fiducia da una parte, e manifestazione di comportamenti immaturi e di dipendenza dalla
  famiglia, dall'altra.

- Comportamenti a rischio da un punto di vista sessuale (ad es. condotte sessuali inappropriate, rifiuto di utilizzare una profilassi
   adeguata)

- Comportamenti che mettono a rischi la propria salute o incolumità fisica, messi in atto come "sfida" nei confronti di convenzioni o
   norme sociali (ad es. raggiungere  velocità alte e non consentite dal codice stradale, tossicodipendenza, alcolismo, ecc.)

- Fuga da casa, atteggiamenti definiti dalla famiglia come "risultato dell'influenza del gruppo dei pari"

- Manifestazione di comportamenti o gesti di autolesionismo dannosi per la propria salute (ad es. anoressia, bulimia, ecc.)

_________________________________________________________________________________________________

La psicoterapia con l’adolescente

Quando è l’adolescente stesso a richiedere l’intervento dello psicologo, e se la famiglia accoglie e sostiene la sua richiesta di aiuto ad un professionista esterno e da il proprio consenso, il processo di psicoterapia può svolgersi in maniera chiara e lineare.

Il primo colloquio può essere svolto, a seconda della richiesta, con l’adolescente da solo, con l’adolescente insieme ai genitori o con questi ultimi.
In genere dopo i primi 3 o 4 colloqui, utilizzati principamente per la raccolta anamnestica e l’individuazione delle aree problematiche, si focalizzano gli obiettivi dell’intervento e si procede con la psicoterapia.

Ogni colloquio ha la durata di 50 minuti circa e il costo di 50 euro. I colloqui sono settimanali (uno a settimana).
_________________________________________________________________________________________________
 

Gli interventi rivolti ai minori vengono effettuati in collaborazione con l’Associazione onlus Gli Argonauti, della quale il dott. Arturo Mona è da anni il presidente.
L’Associazione, grazie alla sua esperienza pluriennale e al lavoro d’equipe, coordina ed elabora i progetti terapeutici e gli interventi diretti rivolti ai bambini.