Consulenza psicologica  e  psicoterapiadiagnosi clinica,  formazione e informazione,  articoli,  seminari e gruppi esperienziali...

Picture

SPAZIO  PSI

Studio di Psicologia e Psicoterapia - Roma
           Dott.ssa Ida Lopiano e dott. Arturo Mona, psicologi - psicoterapeuti

:: Viale  Ratto delle Sabine , 23.   00131- Roma
    (
Casal Monastero)
:: Viale Giulio Agricola, 61 (Tuscolana ,
    Metro Giulio Agricola). 00174 - Roma
    Segreteria: Tel. 06.83505663
    Dott.ssa Lopiano: 320.0450719
   
Dott. Mona:  338.1666010
    www.spaziopsi.it  -  idalopiano@tiscali.it

       Home

      Psicoterapia     

Articoli

Training Autogeno

  Gruppi    

      Link      

  Contattaci   

 
 
PRENOTA UN COLLOQUIO
 

 Le paure nell’infanzia: le diverse tipologie di paure,  il loro contesto, i diversi significati per il bambino.

psicologo Roma

A cura di
dott.ssa Ida Lopiano

 Dott.ssa Ida Lopiano
 Psicologa e Psicoterapeuta:
 tel.  320.0450719
_________________________
 Dott. Arturo Mona
 Psicologo e Psicoterapeuta:
 tel. 338.1666010

Curriculum
:: Dott.ssa Ida Lopiano
   Psicologa Psicoterapeuta ad
  orientamento analitico
  transazionale

:: Dott. Arturo Mona
  Psicologo Psicoterapeuta ad
  orientamento strategico

  Indice
 
I collaboratori
 
La nostra filosofia 
 
Il primo colloquio
 
Siamo segnalati su
 
Collaborazioni
 
Domande allo Psicologo
  I nostri
Studi di
  Psicoterapia

   SERVIZI
     offerti

Picture


  Consulenza e Psicoterapia
 
Training autogeno
 
Sostegno alla genitorialità
 
Colloqui Psicodiagnostici
 
Sostegno psicologico
 
Consulenza Psichiatrica
 
Consulenza Neurologica
 
Prevenzione e Formazione
 
Informazione psicologia
 
Perizie Psicologiche
 
Laboratori espressivi
 

Picture Picture Picture

 I disturbi trattati

 
   
Nell’adulto
  Ansia e attacchi di panico
 
Fobie
 
Ipocondria
 
Fobia sociale
 
Fobia specifica
 
Agorafobia
 
Ansia da esame
 
Nevrosi Ossessiva
 
Disturbo post traumatico
 
Disturbi Psicosomatici
 
Stress
 
Tricotillomania
 
Abuso sessuale
 
Depressione
 
Depressione post - partum
 
Anoressia nervosa
 
Bulimia nervosa
  Obesità psicogena
 
Disturbi Psicosomatici
  Disturbi di  personalità
 
Disturbi sessuali
 
Gioco d’azzardo patologico
 
Problemi della  coppia
_______________________
  
Bambino e adolescente
 
Ansia da separazione
  Difficoltà di inserimento
  scolastico 
  Disturbi dell’attenzione
 
Disturbi della condotta
  Disturbo oppositivo
  provocatorio
  Disturbo dell’attaccamento
 
Disturbi dello
 
apprendimento: dislessia,
 
discalculia, disgrafia,
 
disortografia
 
Autismo
 
Sindrome di Asperger
 
Disturbo di Rett
 
Disturbo disintegrativo
  dell’infanzia
 
Disturbi della condotta
  Difficoltà della relazione
 
genitori/ figli
  Enuresi (pipì a letto)
  Disturbi alimentari
 

 
 
:: Collaborazione con
    l’associazione onlus
   
gli argonauti
 

Picture

  

 

 

 

 Lo studio di Psicoterapia
 Spazio Psi collabora con
 l’associazione onlus
 gli argonauti nella
 organizzazione di incontri
 seminariali e formativi sulla
 genitorialità, e di gruppi
 esperienziali rivolti a
 bambini e adolescenti
 

I nostri siti di Psicologia:

Ass. gli argonauti onlus

Il sito del dott. Arturo Mona

Il Blog sull’ Analisi
Transazionale

facebook
MYSPACE
twitter

Elenco Psicologi

HT network di psicologia 

 Questo lavoro è stato presentato all’interno di un corso di aggiornamento rivolto ai docenti della facoltà di Psicologia di Mosca.

 Riassunto_____________________________________________________________________Scarica la presentazione
 Presupposto teorico di riferimento è che le paure del bambino sono indicative della solidità dell’attaccamento verso le sue figure di
 riferimento.
 Il lavoro si apre con la distinzione tra paure difusive e identificabili e si focalizza di seguito sulla percezione delle famiglie rispetto alle
 paure manifestate dai bambini, le strategie messe in atto per affrontarle, la ricerca di possibili cause, significati e possibili soluzioni.
 Vengono infine prese in esame alcune strategie utili nel lavoro con i bambini e con i genitori, sottolineando i vantaggi dell’uso di una
 comunicazione efficace  finalizzata ad accogliere piuttosto che a svalutare la paura.

Scarica la presentazione                                                                                                                                   

_______________________________________________________________________________________

Le due principali categorie di paure:

  • Paure diffusive
  • Paure identificabili

Paure diffusive: sono poco identificabili, non hanno un nome che vi corrisponde.
Pure identificabili: localizzate e circoscritte, insorgono successivamente nel processo di sviluppo (paura di sbagliare, esibirsi, parlare in pubblico, perdere qualcosa di prezioso, paura dell’insuccesso).

Emozioni e sensazioni associate
L’emozione della paura è correlata alla  capacità di attribuire significati all’esperienza:
- Senso di impotenza, insicurezza,  angoscia, che mette in risalto i propri limiti
- Solitudine
- Bisogno di aiuto competente, accettazione  rassicurazione

Le strategie di coping messe in atto dalle famiglie
Attorno alle paure si organizzano rituali familiari quali strategie per farvi fronte:
- luci accese
- accompagnamenti
- controlli ripetuti
L’obiettivoè quello di esorcizzare la paura, di scacciarla, come se fosse un nemico da sconfiggere con una tattica specifica.
Intorno al rituale “anti panico”, il bambino sviluppa una nuova forma di attaccamento.

Le paure  del bambino nella percezione dei genitori
-
forte senso di disagio per la “timidezza espressa dal figlio (Alla sua età….!)
- difficoltà a comprendere, accettare, gestire la paura
- svalutazione (“niente di grave….ma da risolvere”; “passerà con la crescita”)
- desiderio di comprendere il significato della paura specifica (“perché ha paura proprio del buio?”)
- paura di essere la causa della paura del proprio figlio (“dipenderà da me?”)
- insicurezza rispetto agli interventi educativi e difficoltà nel sostenere il bambino.
- di fronte alle paure espresse dal bambino il genitore è spesso focalizzato sulla ricerca delle cause
- alla ricerca del significato è solitamente associato il bisogno di autoassoluzione (nega la propria responsabilità)
Il timore più grande del genitore è quello di essere la causa della paura del bambino: “non posso fare nulla per aiutarlo….”. Percepisce una sorta di fallimento di ruolo, poiché si percepisce inadeguato quale fonte di sicurezza per il bambino (“non sono all’altezza…”). La paura del bambino viene percepita come allarme della propria fragilità.

Le cause attribuite dai genitori riguardo alle paure del bambino
- Se stessi
- La scuola
- Gli eventi esterni

Se stessi:
- siamo noi la causa
- siamo noi che sbagliamo?
- come? Perché?
- cosa dobbiamo fare?
- cosa c’è che non va nella nostra famiglia?
- di chi è la colpa?

La scuola:
-
E’ la scuola che sbaglia…..
- Non sanno come prenderlo…
- La maestra è rigida…..
- Non lo gratifica…
- Il lavoro è eccessivo….
- I compagni non lo accettano…
- Qualcuno è aggressivo….

Gli eventi esterni:
-
E’ cambiato dopo la nascita del fratello, dopo un lutto o una malattia, in seguito al trasferimento ad un’altra scuola, dopo un
  incidente…

La soluzione magica del genitore
Il genitore si focalizza su:
-la ricerca del significato
-la scoperta delle origini (il fattore scatenante e la responsabilità associata)
-la soluzione
                                 “basta spiegare al bambino le origini della sua paura perché questa scompaia”

Il lavoro con i genitori
- Aiutare il genitore ad accogliere, accettare, comprendere le paure del bambino piuttosto che  svalutarle o negarle
- Aiutare il genitore a “mettersi in discussione” come soggetto capace di fornire sicurezza e di rispondere ad una emozione negativa
  (la paura) con una di segno positivo: educare alla paura significa educare alla relazione ed alla comunicazione.

Presupposti teorici

  • Il bambino nasce in una posizione sana, OK
  • genitori sani crescono bambini OK e sani (riconoscere la propria responsabilità)
  • per affrontare le paure di figli è importante che i genitori siano informati e quindi consapevoli delle proprie paure
  • saper riconoscere gli effetti dei messaggi inviati è importante per comunicare in modo efficace

Comunicare in modo efficace:
Nel dialogo con il figlio è importante per il genitore utilizzare modalità comunicative di tipo genitoriale affettivo  positivo e di tipo genitoriale normativo  positivo: è importante ACCOGLIERE ANZICHE’ SVALUTARE

Dal Genitore affettivo positivo:
- offrire aiuto;
- dare permessi, conferme e riconoscimenti;
- essere empatici: saper cogliere e   comprendere il mondo esperienziale del bambino e saper comunicare a quest'ultimo  
   tale comprensione,
- accettare in modo incondizionato;

Dal Genitore normativo positivo:
-
mostrare o dire come fare bene le cose, fornire regole
- fare interventi non svalutanti:
identificare e interrompere transazioni che rinforzano/sostengono operazioni o comportamenti
  passivi (ad es.“la paura passerà quando crescerai”). Valorizzare le competenze personali, rinforzare le risorse del bambino

Il lavoro con i bambini.
L'obiettivo generale  è  quello di promuovere nel bambino la costruzione di autostima positiva e l'assunzione di strategie comportamentali utili per esprimere al genitore le proprie richieste di rassicurazione e sostegno.
In particolare occorre aiutare il bambino a conoscere e comprendere propri vissuti, sensazioni, sentimenti, atteggiamenti, fantasie legate alle paure; a conoscere le emozioni, la loro funzione e il loro significato,a comunicarle al genitore imparando a individuare segni di disponibilità.(role-playng).

Le paure nel bambino maltrattato.
-
mancanza di una paura chiaramente organizzata: paura di essere abbandonato, paura del buio, paura degli spazi aperti, paura dei
   rapporti interpersonali
- manca un oggetto privilegiato, controllabile e comprensibile quale fonte della paura (paure diffusive)
- impossibile chiedere aiuto: il bambino non ha imparato a chiedere aiuto poiché fonte di frustrazione e fonte di sicurezza
  coincidono.

Le paure nel bambino che  assiste alla violenza in famiglia
-
percezione di pericolo costante
- paura dell’aggressività verbale e fisica
- paura dell’abbandono
- angoscia per le possibili conseguenze di  liti e conflitti
- timore del giudizio degli altr
 

BIBLIOGRAFIA.
 -
Criteri di valutazione dell’abuso nell’infanzia (2002, McGraw-Hill).
-  L’Analisi Transazionale (Stewart, Joines, 2000, Garzanti ed.).
-  Ho paura (Binetti, Ferrazzoli, Flora, 1999, Ma. Gi. S.r.l. ed.).
-  Il bambino è competente (J. Juul, 2003,Feltrinelli ed.).
-  Il bambino nascosto (A. Maeìrcoli, 1993, Mondadori ed.).
-  Diagnosi interpersonale e trattamento dei disturbi di personalità (L. S. Benjamin, 2003, LAS).
-  La pianificazione dei trattamenti in psicoterapia (Makover).
-  Il bambino abusato: come conoscerlo, capirlo e andargli incontro (A. Natilla, Psicologia Psicoterapia e Salute, 2004, Vol. 10,
    No. 3).
-  Un protocollo operativo per la valutazione della recuperabilità genitoriale nei casi di maltrattamento ai minori (Maria Dolores
    Masè, Psicologia Psicoterapia e Salute, 2002, Vol. 8, No. 3).
-  Abuso infantile e formazione della personalità (C. Pasqualini, Polarità, 1992, Vol. 6, No. 2).
-  Attenti al lupo: Abuso e sfruttamento sessuale: dalle leggi alla prassi (M. Rosso, Psicologia Psicoterapia e Salute, 2002, Vol. 8,
    No. 1).
-  Permessi e bisogni dei genitori e dei consulenti nella relazione terapeutica. (Raffaele Mastromarino, Polarità,1991, Vol. 5, No. 2).