Consulenza psicologica  e  psicoterapiadiagnosi clinica,  formazione e informazione,  articoli,  seminari e gruppi esperienziali...

Picture

SPAZIO  PSI

Studio di Psicologia e Psicoterapia - Roma
           Dott.ssa Ida Lopiano e dott. Arturo Mona, psicologi - psicoterapeuti

:: Viale  Ratto delle Sabine , 23.   00131- Roma
    (
Casal Monastero)
:: Viale Giulio Agricola, 61 (Tuscolana ,
    Metro Giulio Agricola). 00174 - Roma
    Segreteria: Tel. 06.83505663
    Dott.ssa Lopiano: 320.0450719
   
Dott. Mona:  338.1666010
    www.spaziopsi.it  -  idalopiano@tiscali.it

       Home

      Psicoterapia     

Articoli

Training Autogeno

  Gruppi    

      Link      

  Contattaci   

 
 
PRENOTA UN COLLOQUIO
 

 Dott.ssa Ida Lopiano
 Psicologa e Psicoterapeuta:
 tel.  320.0450719
_________________________
 Dott. Arturo Mona
 Psicologo e Psicoterapeuta:
 tel. 338.1666010

Curriculum
:: Dott.ssa Ida Lopiano
   Psicologa Psicoterapeuta ad
  orientamento analitico
  transazionale

:: Dott. Arturo Mona
  Psicologo Psicoterapeuta ad
  orientamento strategico

  Indice
 
I collaboratori
 
La nostra filosofia 
 
Il primo colloquio
 
Siamo segnalati su
 
Collaborazioni
 
Domande allo Psicologo
  I nostri
Studi di
  Psicoterapia

   SERVIZI
     offerti

Picture


  Consulenza e Psicoterapia
 
Training autogeno
 
Sostegno alla genitorialità
 
Colloqui Psicodiagnostici
 
Sostegno psicologico
 
Consulenza Psichiatrica
 
Consulenza Neurologica
 
Prevenzione e Formazione
 
Informazione psicologia
 
Perizie Psicologiche
 
Laboratori espressivi
 

Sostegno alle famiglie: anche familiari e partners di chi soffre di un problema psicologico hanno bisogno di aiuto.

Quando un membro della famiglia (o il proprio partner) manifesta una problematica psicologica, ci si trova
inevitabilmente a interrogarsi sulle proprie responsabilità e desiderio rispetto a come fornire aiuto.
Se il familiare non è consapevole del proprio disturbo o se, nonostante riconosca di stare male, non desidera o

sostegno alle famiglie

non ritiene necessario essere aiutato, la famiglia sperimenta disagio, frustrazione e soprattutto impotenza.
In genere, ancora prima di parlarne con la persona interessata, si rivolge ad amici, conoscenti o a professionisti (soprattutto tramite web), alla ricerca di “un consiglio” rispetto a come intervenire.
E di solito le risposte ricevute sono sempre le stesse: “la persona interessata, soprattutto se maggiorenne, deve essere motivata ad intraprendere un percorso terapeutico che, altrimenti, non sarebbe efficace”, o “non si può aiutare chi non desidera o non chiede aiuto”, o ancora “deve essere la persona che presenta il problema a richiedere l’intervento del professionista”. Di conseguenza la ricerca di aiuto da parte della famiglia si rivela il più delle volte inutile.
C’è da aggiungere che anche quando il familiare sta effettuando un trattamento psicologico per le sue difficoltà, spesso gli altri membri si trovano in una situazione di completa disinformazione rispetto all’andamento della terapia, oltre che di dubbio e incertezza riguardo alla sua efficacia. Questo accade poichè, a meno che la persona interessata non ne dia specifico consenso, il professionista che esegue un trattamento terapeutico non può (secondo specifiche normative che regolano la professione), informare la famiglia sull’andamento di una terapia, violando il segreto professionale.
Alla famiglia non rimane che attendere, impotente, l’esito della “cura” intrapresa dal familiare.
Cosa può fare la famiglia che desidera partecipare in modo più attivo, per sostenere il familiare/partner?
Sicuramente, nel caso in cui quest’ultimo non sia pienamente consapevole delle proprie difficoltà o della necessità di ricevere aiuto, può “ascoltare in maniera attiva”, ovvero osservare ed esprimere la propria opinione in merito a ciò che sta notando rispetto ad eventuali cambiamenti nel comportamento e stati emotivi della persona, sottolineando la propria disponibilità a sostenerla nel cercare aiuto. Anzichè consigliare con modalità comunicative spesso percepite come intrusive e svalutanti (quali: “ti consiglio di vedere uno psicologo per il tuo problema”), è di solito più utile ed efficace centrarsi su di sè comunicando al familiare/partner il proprio desiderio di stargli vicino (eventualmente anche nella ricerca stessa di un professionista), qualora fosse motivato a cercare aiuto.
Quando invece il familiare sta già seguendo un trattamento e la famiglia desidera parteciparvi in maniera più attiva, può sicuramente chiedere feed-back al familiare rispetto a “come procede la terapia”....se ”ritiene di avere dei benefici”...se “desidera cercare un’alternativa”, piuttosto che tentare di informarsi presso il terapeuta del familiare, dal quale verrà inevitabilmente rifiutato, a meno che il professionista stesso, con il consenso del paziente maggiorenne, non ritenga opportuno il coinvolgimento della famiglia nel processo di terapia.
E’ in genere molto utile per la famiglia, soprattutto qualora un suo membro che si trova in terapia rifiuti di coinvolgerla o informarla, consultare un professionista per essere sostenuta rispetto alle difficoltà della gestione e del rapporto con una persona che soffre di una problematica psicologica. La famiglia (o il partner) può cioè chiedere aiuto per sè con l’obiettivo di apprendere nuovi strumenti per attivare risorse adeguate nel far fronte alla situazione vissuta.

                                                                                                                                                         Dott.ssa Ida Lopiano      

Picture Picture Picture

 I disturbi trattati

 
   
Nell’adulto
  Ansia e attacchi di panico
 
Fobie
 
Ipocondria
 
Fobia sociale
 
Fobia specifica
 
Agorafobia
 
Ansia da esame
 
Nevrosi Ossessiva
 
Disturbo post traumatico
 
Disturbi Psicosomatici
 
Stress
 
Tricotillomania
 
Abuso sessuale
 
Depressione
 
Depressione post - partum
 
Anoressia nervosa
 
Bulimia nervosa
  Obesità psicogena
 
Disturbi Psicosomatici
  Disturbi di  personalità
 
Disturbi sessuali
 
Gioco d’azzardo patologico
 
Problemi della  coppia
_______________________
  
Bambino e adolescente
 
Ansia da separazione
  Difficoltà di inserimento
  scolastico 
  Disturbi dell’attenzione
 
Disturbi della condotta
  Disturbo oppositivo
  provocatorio
  Disturbo dell’attaccamento
 
Disturbi dello
 
apprendimento: dislessia,
 
discalculia, disgrafia,
 
disortografia
 
Autismo
 
Sindrome di Asperger
 
Disturbo di Rett
 
Disturbo disintegrativo
  dell’infanzia
 
Disturbi della condotta
  Difficoltà della relazione
 
genitori/ figli
  Enuresi (pipì a letto)
  Disturbi alimentari
 

 
 
:: Collaborazione con
    l’associazione onlus
   
gli argonauti
 

Picture

  

 

 

 

 Lo studio di Psicoterapia
 Spazio Psi collabora con
 l’associazione onlus
 gli argonauti nella
 organizzazione di incontri
 seminariali e formativi sulla
 genitorialità, e di gruppi
 esperienziali rivolti a
 bambini e adolescenti
 

I nostri siti di Psicologia:

Ass. gli argonauti onlus

Il sito del dott. Arturo Mona

Il Blog sull’ Analisi
Transazionale

facebook
MYSPACE
twitter

Elenco Psicologi

HT network di psicologia