Consulenza psicologica  e  psicoterapiadiagnosi clinica,  formazione e informazione,  articoli,  seminari e gruppi esperienziali...

Picture

SPAZIO  PSI

Studio di Psicologia e Psicoterapia - Roma
           Dott.ssa Ida Lopiano e dott. Arturo Mona, psicologi - psicoterapeuti

:: Viale  Ratto delle Sabine , 23.   00131- Roma
    (
Casal Monastero)
:: Viale Giulio Agricola, 61 (Tuscolana ,
    Metro Giulio Agricola). 00174 - Roma
    Segreteria: Tel. 06.83505663
    Dott.ssa Lopiano: 320.0450719
   
Dott. Mona:  338.1666010
    www.spaziopsi.it  -  idalopiano@tiscali.it

       Home

      Psicoterapia     

Articoli

Training Autogeno

  Gruppi    

      Link      

  Contattaci   

 
 
PRENOTA UN COLLOQUIO
 

La violenza nelle famiglie. Maltrattamento e abuso verso il minore:

quali possibilità di recupero per i  genitori?

 Dott.ssa Ida Lopiano
 Psicologa e Psicoterapeuta:
 tel.  320.0450719
_________________________
 Dott. Arturo Mona
 Psicologo e Psicoterapeuta:
 tel. 338.1666010

Curriculum
:: Dott.ssa Ida Lopiano
   Psicologa Psicoterapeuta ad
  orientamento analitico
  transazionale

:: Dott. Arturo Mona
  Psicologo Psicoterapeuta ad
  orientamento strategico

  Indice
 
I collaboratori
 
La nostra filosofia 
 
Il primo colloquio
 
Siamo segnalati su
 
Collaborazioni
 
Domande allo Psicologo
  I nostri
Studi di
  Psicoterapia

   SERVIZI
     offerti

Picture


  Consulenza e Psicoterapia
 
Training autogeno
 
Sostegno alla genitorialità
 
Colloqui Psicodiagnostici
 
Sostegno psicologico
 
Consulenza Psichiatrica
 
Consulenza Neurologica
 
Prevenzione e Formazione
 
Informazione psicologia
 
Perizie Psicologiche
 
Laboratori espressivi
 

Picture Picture Picture

 I disturbi trattati

 
   
Nell’adulto
  Ansia e attacchi di panico
 
Fobie
 
Ipocondria
 
Fobia sociale
 
Fobia specifica
 
Agorafobia
 
Ansia da esame
 
Nevrosi Ossessiva
 
Disturbo post traumatico
 
Disturbi Psicosomatici
 
Stress
 
Tricotillomania
 
Abuso sessuale
 
Depressione
 
Depressione post - partum
 
Anoressia nervosa
 
Bulimia nervosa
  Obesità psicogena
 
Disturbi Psicosomatici
  Disturbi di  personalità
 
Disturbi sessuali
 
Gioco d’azzardo patologico
 
Problemi della  coppia
 
Separazione/divorzio
_______________________
  
Bambino e adolescente
 
Ansia da separazione
  Difficoltà di inserimento
  scolastico 
  Disturbi dell’attenzione
 
Disturbi della condotta
  Disturbo oppositivo
  provocatorio
  Disturbo dell’attaccamento
 
Disturbi dello
 
apprendimento: dislessia,
 
discalculia, disgrafia,
 
disortografia
 
Autismo
 
Sindrome di Asperger
 
Disturbo di Rett
 
Disturbo disintegrativo
  dell’infanzia
 
Disturbi della condotta
  Difficoltà della relazione
 
genitori/ figli
  Enuresi (pipì a letto)
  Disturbi alimentari
 

 
 
:: Collaborazione con
    il centro
   
gli argonauti
 

Picture

  

 

 

 

 Lo studio di Psicoterapia
 Spazio Psi collabora con
 l’associazione onlus
 gli argonauti nella
 organizzazione di incontri
 seminariali e formativi sulla
 genitorialità, e di gruppi
 esperienziali rivolti a
 bambini e adolescenti
 

I nostri siti di Psicologia:

Centro
gli argonauti

Il sito del dott. Arturo Mona

Il Blog sull’ Analisi
Transazionale

A cura di Dott.ssa Ida Lopiano

Questo lavoro è stato presentato all’interno di un corso di aggiornamento rivolto ai docenti della Facoltà di Psicologia di  Mosca.

 Riassunto_____________________________________________________________________Scarica la presentazione
 Il lavoro si apre con la presentazione di definizione e criteri generali relativi al concetto di maltrattamento nelle sue diverse
 manifestazioni, con particolare attenzione alla violenza perpetrata nelle famiglie e all’abuso sessuale verso il minore.
 Partendo dal presupposto che ogni forma di violenza rappresenta un attacco confusivo ai danni della personalità del bambino che
 determina gravi conseguenze nel processo di crescita, si ritiene che la responsabilità della violenza perpetrata sia sempre da
 attribuire all’adulto (quando si parla di abuso verso il minore).
 Viene effettuata una distinzione tra abuso fisico e psicologico, specificandone i sottotipi e sottolineando le caratteristiche ed i fattori
 di rischio che  identificano una famiglia maltrattante.
 In seguito vengono prese in esame le principali conseguenze che l’abuso (sessuale in particolare) produce sullo sviluppo e sulla 
 formazione della personalità del bambino, utilizzando come modelli teorici di riferimento l’Analisi Transazionale e il Modello
 Interpersonale della Benjamin.
 Viene infine riservato uno spazio per la riflessione riguardo alle possibilità di intervento sulle famiglie  maltrattanti.

Scarica la presentazione

__________________________________________________________________________________________________

Definizioni e criteri generali. (E. Caffo, G. Camerini)
Il maltrattamento si concretizza negli atti e carenze che turbano gravemente il bambino, attentano alla sua integrità corporea, allo sviluppo fisico, affettivo, intellettivo e morale, e le cui manifestazioni sono la trascuratezza e/o le lesioni di ordine fisico e /o psichico e/o sessuale da parte di uno o più familiari.
Si manifesta attraverso una condotta attiva (percosse,atti sessuali, ipercura) o omissiva (incuria, trascuratezza, abbandono).

Ogni forma di violenza costituisce sempre un attacco confusivo e destabilizzante della personalità in formazione del  bambino ed è causa di gravi conseguenze sul processo di crescita.

La responsabilità della violenza verso il minore è sempre dell’adulto

Il danno cagionato è tanto maggiore quanto più:
il maltrattamento resta sommerso e non viene individuato
è ripetuto nel tempo
la risposta di protezione alla vittima nel suo contesto familiare e sociale è ritarda o assente
il vissuto traumatico resta non espresso o non elaborato
è presente una forte dipendenza fisica e/o psicologica e/o sessuale tra la vittima e il soggetto maltrattante
Il legame tra vittima e soggetto maltrattante è di tipo familiare.

Le diverse tipologie di violenza verso il bambino.
Distinguiamo 2 tipologi di maltrattamento:
A - Maltrattamento o abuso fisico
B - Maltrattamento o abuso  Psicologico

A - Maltrattamento o abuso fisico:
I genitori eseguono o permettono che si eseguano lesioni fisiche, o mettono il bambino in condizioni di rischiare lesioni fisiche.
Sulla base della gravità delle lesioni l’abuso è distinto in:
 
di grado lieve: lesioni che non necessitano di ricovero
 •di grado medio: è necessario il ricovero (ustioni, fratture, trauma cranico…)
 •di grado severo: è necessario il ricovero in rianimazione, danni neurologici, morte

B - Maltrattamento o abuso psicologico
Fa riferimento ai comportamenti attivi o omissivi giudicati psicologicamente dannosi in base a principi comuni o a indicazioni tecniche specifiche, agiti da persone che sono in “posizione di potere” rispetto al bambino.

Il maltrattamento psicologico include ogni azione e comportamento volto a anneggiare:
La positiva percezione di se
la percezione di essere positivamente considerato dagli altri
la percezione di essere competente o potenzialmente competente nei necessari compiti della vita
la percezione che l’ambiente esterno è sufficientemente responsivo
la percezione che l’ambiente esterno è accogliente o neutrale piuttosto che ostile
l’abilità di apprendere, attraverso emozioni negative (la paura), che ostacolano l’attenzione
l’’abilità di identificare le proprie/altrui emozioni
l’abilità di percepire/accogliere i bisogni altrui
l’abilità nel creare e mantenere emozioni costruttive

La patologia della somministrazione delle cure:
Riguarda le condizioni in cui i familiari non provvedono adeguatamente ai bisogni fisici e psichici del bambino, in rapporto al momento evolutivi e all’età. Comprende tre categorie cliniche:
incuria (trascuratezza): cure carenti
discuria: cure fornite in modo distorto, non appropriate al momento evolutivo
ipercura: cure fornite in eccesso (ad es. i genitori sottopongono il bambino ad accertamenti clinici inutili ed inopportuni).

I fattori di rischio: i segnali di pericolo sociale e relazionale necessari a individuare le famiglie a rischio:
1- fattori sociali
2- fattori relazionali da parte dei genitori
3- patologie genitoriali
4- cause relazionali da parte del bambino
5- patologie del bambino

1- fattori sociali
famiglie isolate dal contesto sociale
difficoltà economiche e/o lavorative
emarginazione sociale, immigrazione, cause religiose o razziali
isolamento dalle rispettive famiglie d’origine
condizioni abitative inadeguate per igiene o spazio
famiglie mono parentali (ragazze madri, separazioni, divorzi)
disoccupazione paterna

2 - Fattori relazionali da parte dei genitori
patologie gentoriali
conflitti nella coppia
età dei genitori. Inversione dei ruoli genitoriali
genitori maltrattati e/o con gravi carenze affettive
promiscuità

3 - Patologie genitoriali
psicosi
disturbo borderline
tossicodipendenza
alcolismo
sociopatia
insufficienza mentale

4 - Cause relazionali da parte del bambino:
patologia del bambino
gravidanza e nascita
ordine di genitura
sesso

5 - Patologie del bambino
patologie neonatali
malattie croniche
handicap fisici e/o psichici
deficit di apprendimento
disturbi del sonno, pianto nott. o diurno
problemi della condotta alimentare o sfinterica
inibizione/ipercinesia

L’abuso psicologico include gli atti del:
rifiutare
terrorizzare
isolare 
sfruttare/corrompere
ignorare
trascuratezza della salute fisica, mentale ed educativa

Rifiutare
include azioni verbali o non verbali volte a rifiutare e umiliare il bambino:
sminuire, umiliare, respingere
mortificare e/o ridicolizzare il bambino (ad es. quando mostra emozioni di angoscia     dolore…), in famiglia o pubblicamente.
Criticare, ferire

Terrorizzare
include comportamenti che minacciano di produrre male fisico, di uccidere, di abbandonare un bambino o di esporlo a situazioni riconoscibili come pericolose:
esporre il bambino a circostanze imprevedibili o caotiche
esporre il bambino a situazioni pericolose
proporre aspettative rigide o irrealistiche con minaccia di abbandono, percosse, se esse non vengono soddisfatte.
minacciare o perpetrare violenza contro il bambino
minacciare o perpetrare violenza contro persone oggetti amati dal bambino.

Isolare
Include gli atti che negano al bambino la possibilità di soddisfare i suoi bisogni di interagire e comunicare con coetanei o adulti in casa o fuori casa:
imporre limitazioni irragionevoli alla libertà di movimento nel suo ambiente di vita
imporre limitazioni irragionevoli alle interazioni sociali con coetanei o adulti nella comunità di appartenenza.

Sfruttare/corrompere
Include atti che incoraggiano a sviluppare comportamenti inappropriati (autodistruttivi, devianti, antisociali)e non adattivi:
mostrare, consentire o incoraggiare comportamenti antisociali (prostituzione, pornografia, abuso di sostanze, violenza ai danni di altri…).
mostrare, consentire o incoraggiare comportamenti evolutivamente inappropriati (genitorializzazione, infantilizzazione).
incoraggiare o forzare l’abbandono di una autonomia evolutivamente appropriata attraverso un estremo coinvolgimento, l’intrusività o il dominio.
restringere o interferire con lo sviluppo cognitivo.

Ignorare
include gli atti che ignorano i tentativi e i bisogni del bambino di interagire (insufficiente espressione di affetto, cure), e non mostrano emozioni nell’interazione con il bambino:
essere distaccati o freddi per incapacità o mancanza di motivazione
interagire solo se assolutamente necessario
insufficiente espressione di affetto, amore e cure per il bambino

Trascurare la salute fisica, mentale ed educativa
include atti che, senza un valido motivo, ignorano o rifiutano il trattamento necessario per i bisogni del bambino:
emozionali o comportamentali.
di salute fisica.
problemi o bisogni educativi.

I fattori di rischio: le personalità paterna e materna:

    * Personalità paterna:

    1- Rigido, autoritario, violento, inibisce la vita affettiva e sociale dei figli, insensibile ai sentimenti e bisogni degli altri.
    2- Dipendente e succube della moglie, maltrattato nell’infanzia, inversione dei ruoli.

    * Personalità materna:

   1- passiva, succube, vittima di maltrattamenti, rifiutata dalla famiglia d’origine, esperienze incestuose
   2- autoritaria e centrale economicamente, rifiutante della famiglia d’origine, inversione dei ruoli.

Le 3 categorie di genitori
Violenza per ideologia (maltrattare viene percepito come una misura pedagogica, necessaria ai fini educativi)
Violenza per controllare, dominare, procurarsi obbedienza)
Violenza occasionale (il maltrattamento viene perpetrato solo occasionalmente ed è seguito da sensi di colpa)

L’abuso sessuale intrafamiliare: i  3 principali sottogruppi
1- abuso sessuale manifesto:
contatto fisico vittima-aggressore; sfruttamento sessuale e/o pornografia
2- abuso sessuale mascherato, che comprende:
    - pratiche genitali inconsuete (es. lavaggi dei genitali, applicazioni di creme, ispezioni ripetute)
    - abuso assistito: il bambino viene fatto assistere all’attività sessuale dei genitori o all’abuso sessuale che un genitore agisce sul 
       fratello/sorella
3- pseudoabuso: abusi dichiarati ma non concretamente consumati. (es. convinzione infondata del genitore che il figlio sia stato abusato, accusa di un coniuge verso l’altro, dichiarazione del bambino non veritiera).

Effetti dell'abuso sessuale sui minori
Le ricerche condotte negli ultimi 15 anni hanno confermato la connessione esistente tra un episodio di abuso sessuale e la presenza, nelle vittime, di una varietà di sintomi che comprendono comportamenti caratterizzati da paura, ansia, depressione, rabbia, aggressività, tentativi di suicidio, bassa autostima, atteggiamenti negativi verso futuri rapporti sessuali, senso di colpa, gravidanze non desiderate, paura per l'incolumità personale, disadattamento sociale (Wyatt & al., 1992).

Le differenze di genere
Nei ragazzi vengono molto spesso osservati comportamenti di tipo aggressivo tendenza a sviluppare interesse sessuale verso i bambini (fantasie sessuali) (Gomes-Schwartz & al, 1990).
Nelle ragazze si osservano più spesso comportamenti caratterizzati da atteggiamenti depressivi.(Conte & al, 1986).
I risultati ottenuti hanno rilevato più somiglianze che differenze tra i due sessi, infatti, gli studi condotti a breve distanza dalla scoperta dell'abuso, mostrano gli stessi sintomi da stress sia nei ragazzi che nelle ragazze:
   - paura, sintomi post-traumatici
   - difficoltà di dormire e confusione
   - depressione, problemi di insonnia,  
   - bassa autostima, idee suicide, uso di droghe e problemi sessuali

Problemi metodologici
   - Mettere a punto delle metodologie di ricerca valide (Briere, 1992).
   - Negli studi sull'abuso la maggior parte delle ricerche si basa quasi interamente sui ricordi di eventi passati del soggetto.

I contributi dell’Analisi Transazionale: La formazione degli stati dell'io negli adulti che sono stati gravemente maltrattati o abusati nell’infanzia.

Lo stato dell’ io Genitore:
Si forma un GN-, che la persona sente come un mostro, una grande potenza, che perseguita il B con messaggi del tipo “Sei malvagio”..
Non si sviluppa a sufficienza un GN+, per cui la persona non ha direzione per il proprio agire. Non si sviluppa a sufficienza un G protettivo.
Il G contiene il permesso di agire la violenza fisica e sessuale.
Il G contiene di frequente messaggi che svalutano la sessualità.

Lo stato dell’ io Adulto
A è poco energizzato.
da bambino la persona ha cercato di trovare un senso in ciò che viveva
da adulto tiene sotto controllo le intenzioni di tutti quelli che ha intorno
Il pensiero è disfunzionale perché:
     - il bambino ha dovuto “imparare a non capire”, dovendo dare una spiegazione falsa a ciò che viveva
     - avendo concluso “è colpa mia ciò che mi fanno” ha rinforzato la tendenza al pensiero magico “tutto dipende da me”
     - essendo entrato in un patto simbiotico con più membri adulti della famiglia, ha rinforzato la propria grandiosità
     - Gli adulti abusanti hanno proibito al bambino di pensare. Gli adulti che non hanno impedito che l’abuso avvenisse gli hanno
        mostrato come non pensare.

Lo stato dell’ io Bambino.
Il B vive un sentimento di indegnità (si sente non umano, o una cosa o demoniaco) e decide (Copione):
    - di riparare alla propria colpa, prendendosi cura degli altri
    - di ritirarsi socialmente, per non fare del male. Vive un sentimento di rabbia, che considera una ulteriore prova delle sue
       indegnità, dato che non può pensare con chiarezza allo stimolo subito per cui sente rabbia e decide:
       *di inibirla a) con conseguente paura, conscia o inconscia, di perdere il controllo b) con eventuali acting out
       *di retrofletterla:
                 a) mettendola al servizio del G persecutorio
                 b) danneggiandosi fisicamente (si boicotta).

Abuso infantile e formazione della personalità: il modello della Benjamin (1996).
L’abuso sui bambini e il maltrattamento viene esercitato in una condizione di “grande divario di potere e possibilità di ricatto”. Il bambino ha bisogno dell’adulto per sopravvivere fisicamente e psicologicamente
L'adulto abusante è l'unica persona che ha anche cura di lui (teme di perdere affetto e protezione: accetta in silenzio o protegge il genitore)
La struttura interpersonale delle prime esperienze contribuisce a dare forma alla struttura degli stili interpersonali dell’adulto

Abuso e Disturbo Borderline
Nella ricostruzione della storia evolutiva di pazienti con dist. Borderline di personalità la B. ha riscontrato la presenza di episodi di violenza intrafamiliare
L’ipotesi è che ogni esperienza evolutiva di grave maltrattamento o abuso concorre nello strutturare stili di comportamento connessi alle esperienze vissute. Così le esperienze di abuso subite possono essere messi in relazione e spiegare alcuni sintomi del borderline elencati nel dsm IV

Il bambino abusato diventa un genitore abusante?
Un genitore incompetente nell’accudire e violento verso i figli produrrà con alta probabilità adulti altrettanto violenti e con scarsa capacità di regolazione del comportamento e di comprensione dei propri e altrui stati emotivi (ad es. intolleranti e irritabili al pianto o al sorriso del bambino..). il rapporto è pertanto di probabilità, non di determinismo

La valutazione della recuperabilità genitoriale nei casi di maltrattamento ai minori:la fase di in-take
Obiettivi: valutare le capacità genitoriali, accettare la responsabilità personale, promuovere un cambiamento.
Si arriva a dire se il paziente è agganciabile - trattabile nella relazione con quello psicoterapeuta, se è capace di ricevere un trattamento che gli permette di smettere di maltrattare

Criteri relativi alla competenza e recuperabilità genitoriale
ricostruzione della storia individuale del genitore
ricostruzione della storia di coppia.
ricostruzione della dinamica familiare
ricostruzione della loro storia come genitori e dell'anamnesi del minore
precedenti rapporti con i Servizi Sociali
atteggiamento verso l’attuale consultazione 
interazione reale genitore  figlio
incontri con il figlio
criteri valutativi desumibili dalle restituzioni al genitore
confronto con i membri della famiglia di origine
criteri valutativi desumibili dal rimando relativo ai figli

Il lavoro clinico con i genitori secondo il modello A.T.
La contrattazione (A-A) in positivo:  “esprimere bisogni anziché non maltrattare..”
La pianificazione del trattamento
Il lavoro sugli Stati dell’Io

Gli obiettivi
1. Accettare la responsabilità (piuttosto che la colpa) dei maltrattamenti o abuso perpetrati verso il figlio
2. Esprimere rimorso e senso di colpa
3. Accettare aiuto per se e per gli altri membri della famiglia
4. Ridurre l’isolamento sociale
5. Incoraggiare la collaborazione della coppia genitoriale nell’affrontare e gestire le dinamiche familiari legate alla situazione
     dell’abuso.
6. Lavorare sugli S. dell’io (Egogramma)
7. Stabilire nuovi e più adeguati legami con I propri figli

 

BIBLIOGRAFIA
-  Criteri di valutazione dell’abuso nell’infanzia (2002, McGraw-Hill)
-  L’Analisi Transazionale (Stewart, Joines, 2000, Garzanti ed.).
-  Ho paura (Binetti, Ferrazzoli, Flora, 1999, Ma. Gi. S.r.l. ed.).
-  Il bambino è competente(J. Juul, 2003,Feltrinelli ed.)
-  Il bambino nascosto (A. Maeìrcoli, 1993, Mondadori ed.)
-  Diagnosi interpersonale e trattamento dei disturbi di personalità (L. S. Benjamin, 2003, LAS)
-  La pianificazione dei trattamenti in psicoterapia (Makover)
-  Il bambino abusato: come conoscerlo, capirlo e andargli incontro (A. Natilla, Psicologia Psicoterapia e Salute, 2004, Vol. 10,
    No. 3)
-  Un protocollo operativo per la valutazione della recuperabilità genitoriale nei casi di maltrattamento ai minori (Maria Dolores
    Masè, Psicologia Psicoterapia e Salute, 2002, Vol. 8, No. 3)
-  Abuso infantile e formazione della personalità (C. Pasqualini, Polarità, 1992, Vol. 6, No. 2)
-  Attenti al lupo: Abuso e sfruttamento sessuale: dalle leggi alla prassi (M. Rosso, Psicologia Psicoterapia e Salute, 2002, Vol. 8,
    No. 1)
-  Permessi e bisogni dei genitori e dei consulenti nella relazione terapeutica     (Raffaele Mastromarino, Polarità,1991, Vol. 5, No.
    2).