Consulenza psicologica  e  psicoterapiadiagnosi clinica,  formazione e informazione,  articoli,  seminari e gruppi esperienziali...

Picture

SPAZIO  PSI

Studio di Psicologia e Psicoterapia - Roma
           Dott.ssa Ida Lopiano e dott. Arturo Mona, psicologi - psicoterapeuti

:: Viale  Ratto delle Sabine , 23.   00131- Roma
    (
Casal Monastero)
:: Viale Giulio Agricola, 61 (Tuscolana ,
    Metro Giulio Agricola). 00174 - Roma
    Segreteria: Tel. 06.83505663
    Dott.ssa Lopiano: 320.0450719
   
Dott. Mona:  338.1666010
    www.spaziopsi.it  -  idalopiano@tiscali.it

       Home

      Psicoterapia     

Articoli

Training Autogeno

  Gruppi    

      Link      

  Contattaci   

 
 
PRENOTA UN COLLOQUIO
 

 Dott.ssa Ida Lopiano
 Psicologa e Psicoterapeuta:
 tel.  320.0450719
_________________________
 Dott. Arturo Mona
 Psicologo e Psicoterapeuta:
 tel. 338.1666010

Curriculum
:: Dott.ssa Ida Lopiano
   Psicologa Psicoterapeuta ad
  orientamento analitico
  transazionale

:: Dott. Arturo Mona
  Psicologo Psicoterapeuta ad
  orientamento strategico

  Indice
 
I collaboratori
 
La nostra filosofia 
 
Il primo colloquio
 
Siamo segnalati su
 
Collaborazioni
 
Domande allo Psicologo
  I nostri
Studi di
  Psicoterapia

   SERVIZI
     offerti

Picture


  Consulenza e Psicoterapia
 
Training autogeno
 
Sostegno alla genitorialità
 
Colloqui Psicodiagnostici
 
Sostegno psicologico
 
Consulenza Psichiatrica
 
Consulenza Neurologica
 
Prevenzione e Formazione
 
Informazione psicologia
 
Perizie Psicologiche
 
Laboratori espressivi
 

Picture Picture Picture

 I disturbi trattati

 
   
Nell’adulto
  Ansia e attacchi di panico
 
Fobie
 
Ipocondria
 
Fobia sociale
 
Fobia specifica
 
Agorafobia
 
Ansia da esame
 
Nevrosi Ossessiva
 
Disturbo post traumatico
 
Disturbi Psicosomatici
 
Stress
 
Tricotillomania
 
Abuso sessuale
 
Depressione
 
Depressione post - partum
 
Anoressia nervosa
 
Bulimia nervosa
  Obesità psicogena
 
Disturbi Psicosomatici
  Disturbi di  personalità
 
Disturbi sessuali
 
Gioco d’azzardo patologico
 
Problemi della  coppia
_______________________
  
Bambino e adolescente
 
Ansia da separazione
  Difficoltà di inserimento
  scolastico 
  Disturbi dell’attenzione
 
Disturbi della condotta
  Disturbo oppositivo
  provocatorio
  Disturbo dell’attaccamento
 
Disturbi dello
 
apprendimento: dislessia,
 
discalculia, disgrafia,
 
disortografia
 
Autismo
 
Sindrome di Asperger
 
Disturbo di Rett
 
Disturbo disintegrativo
  dell’infanzia
 
Disturbi della condotta
  Difficoltà della relazione
 
genitori/ figli
  Enuresi (pipì a letto)
  Disturbi alimentari
 

LA RELAZIONE TERAPEUTICA

Picture

Di seguito esporrò brevemente la mia personale concezione della relazione terapeutica, integrandola con i modelli di alcuni autori.
Il significato attribuito alla relazione terapeutica cambia in base all’orientamento teorico specifico cui si fa riferimento.
Con tale termine intendo personalmente il rapporto terapeuta-cliente, all’interno di un contesto definito da regole e ruoli diversificati, che comprende diversi aspetti.
In primo luogo ritengo essenziale considerare la relazione terapeutica come una relazione reale tra due persone che interagiscono in uno spazio condiviso. A tale proposito Tosi (1991), sottolinea come, oltre alle dinamiche transferali e ad elementi di tipo proiettivo, il rapporto tra terapeuta e paziente va considerato una “relazione reale”, che si svolge nel qui ed ora. E’ dunque in prima istanza un rapporto tra due individui che si impegnano, ciascuno con il proprio ruolo e competenza specifica, a lavorare per un obiettivo comune.
Personalmente condivido i principi di base dell’Analisi Transazionale, secondo i quali è fondamentale che terapeuta e cliente partecipino in modo attivo e responsabile al processo terapeutico, all’interno di una relazione paritaria. Tuttavia, data la complessità e le molte sfaccettature che il termine relazione terapeutica presenta, è sicuramente riduttivo attribuire ad essa esclusivamente il significato di rapporto reale tra due persone. Occorre infatti considerare i molteplici aspetti e livelli di interazione, per utilizzare tale consapevolezza come strumento che facilita la relazione stessa.
Un primo aspetto da considerare fa riferimento ai concetti di transfert e controtransfert. Tosi (1994) sottolinea come l’analisi delle dinamiche transferali e controtransferali rappresenta un valido strumento da usare all’interno del processo terapeutico, per  riconoscere le reazioni e l’impatto emotivo che il paziente ha su di noi, oltre che per individuare modelli di relazione che egli mette in atto. All’interno dell’Analisi Transazionale la relazione transferale viene considerata come uno degli aspetti della relazione terapeutica. Berne (1961), ha fornito diversi contributi rispetto all’analisi delle dinamiche transferali, compiendo una distinzione tra “transazioni di transfert” e “transazioni non transferali” in riferimento alle transazioni tra terapeuta e cliente. Con il termine transazioni transferali l’autore intende un “tipo particolare di transazione incrociata”, in cui il cliente, a partire da uno stimolo di tipo Adulto-Adulto ricevuto, risponde da uno Stato dell’Io Bambino in direzione dello Stato dell’Io Genitore dell’emittente. Successivamente il concetto di transfert viene ampliato e definito non solo rispetto ai singoli atti comunicativi della persona in un determinato momento, ma anche come “processo in cui si prende spunto da qualcosa che accade nel presente per dare corso e realizzare un piano di vita deciso nel passato” (Lucarini, 1993). Risulta evidente, in base a questa ottica, come l’analisi del transfert, sia in termini di modelli di relazione riproposti che di transazioni all’interno dello scambio comunicativo terapeuta-paziente, può rappresentare un valido punto di riferimento e fonte di informazioni sul cliente.
A tale proposito la Clarkson (1991), sottolinea come l’analisi del transfert fornisce informazioni sulla problematica del paziente e sull’efficacia della terapia.  Viene infatti definito dall’autrice come “un modello anticipatorio” messo in atto nella situazione attuale, come riproposizione di modelli relazionali passati, a prescindere dalla specificità del contesto e della persona con la quale si interagisce. Se dunque l’intensità del transfert da indicazioni sulla gravità della patologia del paziente, la capacità di stare nella relazione attuale piuttosto che anticiparla a partire dal proprio copione, può rappresentare secondo la Clarkson un indice di efficacia della del processo terapeutico. Sulla base di tale concettualizzazione l’autrice propone una mappa in cui distingue transfert e controtransfert proattivi o reattivi, quale utile strumento per comprendere cosa stia avvenendo, in termini di relazione terapeutica, in situazioni difficili o di stallo.
Un altro elemento che ritengo fondamentale quale aspetto da considerare all’interno del concetto di relazione terapeutica è l’alleanza. Tosi (1991), distingue all’interno di tale termine, una “alleanza razionale”, intesa come alleanza  Adulto-Adulto nel lavoro finalizzato ad un obiettivo comune; e un’alleanza irrazionale, basata su aspettative magiche di cambiamento.
Novellino (1998), parla invece di “livello psicologico” e “livello sociale”  rispetto all’alleanza, riferendosi rispettivamente ad un livello implicito o esplicito delle transazioni.
Personalmente ritengo essenziale prendere in considerazione, nel dare significato al concetto di relazione terapeutica, tutti gli aspetti citati: il concetto di relazione reale all’interno di un setting definito da ruoli e regole concordate, le dinamiche transferali e l’alleanza terapeuta-paziente.
Sebbene all’interno del mio lavoro clinico di terapie brevi tendo a non stimolare il transfert in modo attivo, tenendo conto dei limiti definiti in termini di spazi e tempi rispetto al setting, ritengo molto utile prendere in esame le dinamiche transferali e controtransferali alla luce del processo terapeutico.
L’analisi del transfert può, a mio avviso, rappresentare un efficace strumento nel trattamento di alcuni pazienti che presentano problematiche di tipo ralazionale.
L’analisi del controtransfert mi permette di fare ipotesi sul cliente, sulla base dell’impatto emotivo che egli ha su di me. Tale informazione, tuttavia, può essere utilizzata solo se confrontata con le informazioni disponibili rispetto alla persona che ho di fronte e contestualizzata all’interno della sua storia relazionale.

                                                                                                                                                    Dott.ssa Ida Lopiano

 

 
 
:: Collaborazione con
    l’associazione onlus
   
gli argonauti
 

Picture

  

 

 

 

 Lo studio di Psicoterapia
 Spazio Psi collabora con
 l’associazione onlus
 gli argonauti nella
 organizzazione di incontri
 seminariali e formativi sulla
 genitorialità, e di gruppi
 esperienziali rivolti a
 bambini e adolescenti
 

I nostri siti di Psicologia:

Ass. gli argonauti onlus

Il sito del dott. Arturo Mona

Il Blog sull’ Analisi
Transazionale

facebook
MYSPACE
twitter

Elenco Psicologi

HT network di psicologia